Fonti di ferritina

Panoramica

Ferritina è la forma di ferro che viene immagazzinato nei tessuti del corpo. Quando viene consumato un ferro insufficiente, il tuo corpo viene disegnato da questi negozi di ferrite. Se la carenza continua, la ferritina diventerà esaurita e i livelli plasmatici del sangue di ferro diminuiranno. Ciò comporterà l’anemia di carenza di ferro, una condizione in cui le cellule del sangue rosso diventano inefficienti a portare l’ossigeno in tutto il corpo. Mangiare cibi alti in ferro aumenta la quantità che il tuo corpo contiene in forma di ferrite.

Carne e frutti di mare

L’indennità dietetica consigliata del ferro è di 8 mg al giorno per gli uomini adulti e 18 mg al giorno per le donne adulte. Ci sono due forme di ferro dietetico, heme e non-heme. Il tipo heme si trova solo nei prodotti animali e viene utilizzato in modo più efficiente dal corpo. La carne rossa, il fegato, le ostriche, il pollame e il pesce sono fonti ricche di ferro di heme che aumentano i livelli di ferritina.

Fonti di piante

Il ferro non-heme si trova nelle fonti vegetariane e negli alimenti ferro-fortificati. Buone fonti di ferro non-heme comprendono soia, lenticchie, fagioli di lima, fagioli, fagioli, piselli, spinaci e melassa. I cereali e la farina d’avena fortificati sono anche alti nel ferro non heme.

supplementi

Se un esame del sangue rivela bassi livelli di ferritina, il medico può prescrivere il ferro supplementare per prevenire l’anemia di carenza di ferro. Una dose tipica raccomandata è di 50 – 60 mg di ferro elementare orale due volte al giorno, ma è necessario seguire le istruzioni del medico per ricevere la giusta quantità di ferro per voi. Alcuni individui provano vomito, costipazione e nausea come effetti collaterali di integrazione del ferro. Prendendo il supplemento con il cibo o dividendolo in due dosi più piccole può alleviare questi sintomi. Discutere queste opzioni con il medico prima di iniziare qualsiasi nuovo integratore.