L’olio di albero del tè usa per un capelli ingrossati

Panoramica

I capelli ingrassati, sia sulla faccia che sulle gambe o sulla linea bikini, possono essere un problema cronico, il che significa che se si ottiene un pelo ingroso, è probabile che continui a farli. Prevenire che i capelli ingarbugliati accadano in primo luogo è il modo migliore per affrontare il problema, ma quando schioccano, nonostante i tuoi sforzi, dovrai trattare il disagio che causano. L’olio di albero di tè può aiutare sia a prevenire e curare i peli ingrassati.

Pelle idratante

Quando la rasatura, la pelle liscia e ben idratata ha meno probabilità di sviluppare urti del rasoio – e, a sua volta, i peli ingrassati che possono causare questi urti – rispetto alla pelle liscia. Poiché l’olio di tea tree può penetrare lo strato superficiale della vostra pelle, aggiungendo 10 gocce di olio di tea tree al tuo regolare idratante del corpo può rendere l’idratante più efficace e ridurre il rischio di capelli ingrassati, spiega Cynthia Olsen, autore di “Tè australiano Guida all’olio d’albero. ”

Prevenire l’infezione

I peli inchiodati possono essere soggetti ad infezioni, sia da batteri che si appoggiano sulla lama del rasoio che dai batteri introdotti quando si grattano quegli urti pruriti, rileva un articolo “Good Housekeeping”. L’olio di tea tree ha proprietà lieve antibatteriche, grazie al suo elevato contenuto di alcol terpene ed è efficace per il trattamento di diversi tipi di batteri e funghi comuni, nota l’Istituto Linus Pauling presso l’Oregon State University.

Riduzione dell’infiammazione

Oltre ad essere sgradevole, i capelli ingrassati possono diventare dolorosi, infiammati e talvolta inzuppati, secondo MayoClinic.com. Le proprietà antinfiammatorie del petrolio dell’albero di tè lo permettono di trattare il gonfiore e il disagio senza gli effetti secondari potenziali di corticosteroidi prescritti o over-the-counter. Massaggiato nell’area interessata, l’olio di tea tree può lenire l’infiammazione sufficiente per liberare i peli arruffati, osserva Olsen.