Gli effetti della caffeina sul ciclo mestruale di una donna

Aumenta i sintomi premenstruali

La caffeina bere può effettivamente esacerbare i sintomi scomodi del ciclo mestruale di una donna. Secondo il dottor Joseph Mercola, autore più venduto del New York Times e fondatore del Centro Benessere Ottimale nell’Illinois, il consumo di caffeina è legato a elevati livelli di estrogeni, che aumenta il rischio di sviluppare tumori del seno e dell’endometrio. Mercola ritiene che mentre il caffè presenta alcuni rischi per la salute, le bevande caffeine come soda e succo di frutta sono molto più dannose per la salute di una donna. Eliminare o diminuire la caffeina dalla vostra dieta può essere utile per la vostra salute e alleviare il disagio durante il ciclo mestruale.

Ansietà cresciuta

Bere bevande caffeonate è legata ad una frequenza elevata di sindrome premestruale (PMS). Le donne che consumano grandi quantità di caffeina sperimentano più sintomi rispetto alle donne che non consumano la caffeina. Il disagio PMS può includere crampi, mal di testa, tenerezza del seno, gonfiori, alterazioni dell’umore, backaches, stanchezza e irritabilità. Tutti questi sintomi sono probabili diventare più pronunciati con il consumo di caffeina. La caffeina è un farmaco stimolante che aumenta la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca. Nel tentativo di superare la fatica del PMS, le donne possono anche consumare più caffeina per aumentare l’energia. Di conseguenza, l’aumento della caffeina porta alla tensione, all’ansia, al sonno e all’esaurimento amplificato.

Crampi e tendenza al seno

Le donne dovrebbero evitare la caffeina soprattutto durante il periodo della mestruazione, perché limita i vasi sanguigni e aumenta la tensione e l’ansia. La caffeina aumenta il cortisolo, la norepinefrina e l’epinefrina, che sono gli ormoni dello stress che sono responsabili di elevare la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca. Quando c’è un livello aumentato di questi ormoni nel corpo, il sistema immunitario viene soppresso a causa di una riduzione dell’approvvigionamento di ossigeno al cervello. Ciò limita i vasi sanguigni e provoca tensioni. Le donne sono più sensibili alla caffeina perché il processo di disintossicazione del corpo richiede più tempo nelle donne che negli uomini. Il tempo necessario per il corpo di espellere la caffeina aumenta ancora di più nelle donne che stanno assumendo contraccettivi orali e quelli che sono in gravidanza.

Cicli corti o irregolari

Il crampi è uno dei sintomi più comuni che una donna sperimenta prima, durante o dopo il suo ciclo mestruale. La caffeina contribuisce a crampi a causa della sua natura diuretica – aumenta la produzione di urina e favorisce la disidratazione. Inoltre, il caffè contiene olii che possono infiammare i vostri intestini e causare crampi. La sindrome del seno fibrocystic è una condizione che molte donne soffrono prima o durante un periodo mestruale. I grumi non canceranti nei seni che sono pieni di fluido possono causare tenerezza e gonfiore. Il consumo di caffeina ha un impatto notevole perché durante il ciclo mestruale si conservano già liquidi e sale, in modo che il fluido è più ampio all’interno dei grumi del seno durante le mestruazioni e può esacerbare la tenerezza del seno.

Le donne che consumano la caffeina hanno maggiori probabilità di ridurre le mestruazioni, secondo uno studio condotto dall’American Journal of Epidemiology sugli effetti della caffeina sulla funzione mestruale di una donna. La base per questo è che la caffeina limita i vasi sanguigni, riducendo il flusso sanguigno uterino. Di conseguenza, ciò comporta una riduzione del sanguinamento mestruale e un ciclo abbreviato, con conseguente variabilità e irregolarità del periodo di una donna.