Segni di un ictus durante il sonno

Panoramica

Un colpo è definito come l’improvvisa insorgenza di sintomi neurologici che derivano da una rottura del flusso di sangue in parte del cervello. Se si verifica un colpo durante il sonno, la presenza di sintomi dopo il risveglio costituirebbe i segni di un ictus. In questo contesto, è importante distinguere tra un colpo e un attacco ischemico transitorio, o TIA, che alcune persone chiamano un “mini-stroke”.

Problemi di movimento

Problemi con movimento o coordinamento possono indicare un colpo. Un’improvvisa debolezza o paralisi, soprattutto se coinvolge tutto o parte di un lato del corpo, è un esempio di un simile problema. I colpi spesso influenzano le sezioni del cervello che controllano il movimento del viso e della lingua, in modo che le difficoltà con le espressioni facciali, masticando, deglutendo o spostando la lingua tutti possono indicare che si è verificato un ictus. Il coordinamento è un altro aspetto del movimento che può essere influenzato da un ictus. Le disturbi nell’andare o nell’equilibrio, nella vertigini e nella difficoltà di svolgere compiti familiari che richiedono il coordinamento sono anche coerenti con l’ictus.

Problemi sensoriali

La sensazione è un’altra funzione del cervello che può essere interrotta da un colpo. La improvvisa perdita totale o parziale della vista, la visione offuscata, la visione doppia e le difficoltà con i movimenti degli occhi sono tutti sintomi di perturbazioni sensoriali. Problemi con l’udito o il senso di odore sono anche possibili con un colpo. Inoltre, l’intorpidimento al dolore, al tatto o alla temperatura, in particolare quando colpiscono tutta o parte di un lato del viso o del corpo, sono segni che potrebbe verificarsi un ictus.

Problemi con il pensiero o con la conoscenza

Le aree del cervello che controllano il pensiero e la cognizione più alta possono anche essere influenzate da un ictus. La perdita di coscienza, la confusione, la perdita improvvisa della memoria e le difficoltà di parlare, la comprensione del parlato, della scrittura o della lettura possono essere sintomi di un ictus. L’improvviso mal di testa, in particolare quando accompagnato da perdita di coscienza o nausea e vomito, può essere un segno che potrebbe essere avvenuto un tipo particolarmente grave di ictus, anche se è improbabile che qualcuno rimanga addormentato malgrado questi sintomi.

Attacchi ischemici transitori

Come un ictus, una TIA è causata da una rottura del flusso di sangue in parte del cervello. In una TIA, tuttavia, il flusso sanguigno torna più o meno alla normalità dopo pochi minuti. Sintomi neurologici si verificano mentre il flusso sanguigno è diminuito, ma nessuna zona del cervello è danneggiata in modo significativo e i sintomi scompaiono. I sintomi neurologici di una TIA tipicamente durano da 5 a 15 minuti, ma un corto corto non viene considerato avvenuto a meno che non durino più di 24 ore. A seconda della natura dei sintomi, una TIA che si verifica durante il sonno potrebbe non indurre necessariamente l’individuo a svegliarsi. Dal momento che i sintomi sono probabili scomparire entro il tempo che la persona si sveglia, una TIA che si verifica durante il sonno potrebbe non avere alcun segno a tutti. Tuttavia, le TIA sono molto probabili ripetere.