Effetti collaterali di eyeliner permanente

cicatrici

Il trucco permanente è una forma di chirurgia plastica che avviene attraverso un processo chiamato micropigmentazione. Per dare l’aspetto di avere sempre l’eyeliner, un dispositivo a mano è usato per forare la pelle e spingere il pigmento nella pelle intorno agli occhi. Prima di prendere in considerazione la micropigmentazione eseguita, è necessario esaminare gli effetti collaterali.

emorragia

Se la procedura non viene eseguita correttamente, si può verificare cicatrici permanenti a causa della procedura di eyeliner permanente. Per ridurre la possibilità di cicatrici, ottenere la chirurgia micropigmentazione eseguita da un chirurgo plastico certificato da bordo.

lividi

Poiché gli aghi vengono utilizzati per cambiare il pigmento attorno agli occhi, si ha il rischio di verificarsi sanguinamenti nel sito di iniezione. Ciò è probabile che si verifichino se gli aghi penetrano troppo in basso alla superficie della pelle. Puoi anche sentire dolore e disagio seguendo la procedura.

decolorazione

Dopo aver subito la procedura di eyeliner permanente, si può guardare come se si hanno due occhi neri. Bruciare è un effetto collaterale comune di micropigmentazione. Le lividi sono solo temporanee e generalmente svaniscono dopo tre o cinque giorni.

Reazione allergica

Diversi fattori possono causare l’eyeliner permanente a scolorirsi. Ad esempio, l’esposizione al sole può far sbiadire il colore intorno agli occhi. Il processo di invecchiamento naturale può anche causare scolorimento. Se l’ago viene inserito troppo in profondità, i pigmenti possono diffondersi e influenzare negativamente il colore che si presenta intorno all’area degli occhi.

Quando si subisce una chirurgia a micropigmentazione, è a rischio di sviluppare una reazione allergica potenzialmente grave. È importante consultare immediatamente un medico se si hanno segni di reazione allergica. Questi effetti collaterali includono bruciore sul sito di iniezione, prurito, dolore, gonfiore e urti. Tuttavia, alcuni di questi sintomi non possono essere una reazione allergica, ma una parte del normale processo di recupero.