Effetti collaterali di troppi antibiotici

Panoramica

Gli antibiotici sono una famiglia di farmaci usati per trattare le infezioni batteriche, le infezioni fungine e alcuni parassiti. Numerosi effetti collaterali sono associati all’uso di antibiotici e dosi estremamente elevate di antibiotici possono avere gravi conseguenze.

Effetti secondari respiratori

Secondo Merck, gli antibiotici possono causare sintomi simili a allergie come affanno e difficoltà a respirare. Nei casi gravi che prendono troppi antibiotici possono impedire una persona a respirare completamente. Una grave allergia agli antibiotici può portare ad anafilassi, una condizione caratterizzata da gonfiore della gola, incapacità di respirare e pressione sanguigna estremamente bassa. L’ospedale universitario Robert Wood Johnson consiglia agli individui che hanno difficoltà respiratorie di chiamare immediatamente un numero di emergenza. Gli individui che sovradosano sugli antibiotici ma non hanno problemi di respirazione dovrebbero chiamare il controllo del veleno.

Effetti collaterali della pelle

Gli effetti collaterali di un sovradosaggio antibiotico che influenzano la pelle, secondo l’ospedale universitario Robert Wood Johnson, comprendono la pelle cutanea, la pelle chiara e le labbra e le unghie bluastre.

Effetti collaterali intestinali

Merck e l’Ospedale Universitario di Robert Wood Johnson dicono che effetti collaterali comuni di antibiotici che influenzano l’intestino includono uno stomaco e una diarrea. Un sovradosaggio antibiotico può anche causare nausea, dolori addominali e crampi.

Altri effetti collaterali

Merck elenca le infezioni vaginali del lievito nelle donne come un comune effetto collaterale della terapia antibiotica. Gli effetti collaterali più gravi includono danni ai reni, al fegato, al midollo osseo e ad altri organi. L’ospedale Robert Wood Johnson Johnson dice che le reazioni gravi a un sovradosaggio antibiotico includono febbre, convulsioni, dolori al torace e un rischio aumentato di collasso. Secondo Merck, gli individui che sperimentano effetti collaterali lievi con gli antibiotici possono di solito continuare il loro trattamento con lo stesso farmaco, ma è meglio consultare un medico se si verifica una reazione negativa a un antibiotico.